Giulia Salcuni

La riforma organica della disciplina delle procedure concorsuali

Obiettivi della riforma

Con il d.lgs. 9 gennaio 2006, n. 5, pubblicato sul Supplemento Ordinario n. 13 della Gazzetta ufficiale n. 12 del 16 gennaio 2006 si è completata la riforma organica delle procedure concorsuali, in attuazione alla delega contenuta nell’art. 1 della legge 14 maggio 2005, n. 80 di conversione del d.l. 14 marzo 2005, n. 35 sulla competitività.

Il provvedimento, che incide significativamente sulla disciplina di riferimento contenuta nel r.d. 267/1942, è composto da 153 articoli, che entreranno in vigore il 16 luglio prossimo, a eccezione di cinque particolari disposizioni, già valide al momento della pubblicazione in Gazzetta, cioè gli articoli 45, 46, 47, 151 e 152.

Il nuovo testo porta dei cambiamenti radicali alla vecchia disciplina, semplifica alcune procedure, ne introduce di nuove e ne abroga altre, tra cui l’intero Titolo IV relativo all’amministrazione controllata.

Gli obiettivi principali della riforma sono:
- l’accelerazione e la semplificazione delle procedure concorsuali;
- l’aumento del numero degli imprenditori esonerati dall’applicabilità del fallimento;
- la valorizzazione del ruolo e dei poteri del curatore fallimentare e del comitato dei creditori e il parallelo ridimensionamento del ruolo e dei poteri del giudice delegato.

Per leggere l'articolo fai clic su Consulta la nostra proposta.
Scarica il file [formato word] [59 KB]

Scarica il file [formato word] [243 KB]
13 febbraio 2006