Giuseppe Tomasso

Rapporto tra esercizio dell'azione penale e segreto di Stato

Una recente sentenza della Corte costituzionale

La Corte Costituzionale, con sentenza del 10-16 dicembre 1998, n. 410, ha pronunciato una decisione che risulta particolarmente interessante, in quanto sottolinea e ribadisce, in maniera inequivocabile, il principio che fonti di prova incise da segreto di Stato, opposto dal Presidente del Consiglio dei ministri, non possono essere utilizzate in sede processuale.
Scarica il file [formato pdf] [0 KB]
31 marzo 1999